martedì 25 ottobre 2016

Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) – Avviso pubblico per la promozione di azioni positive realizzate da Associazioni e Enti



Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) – Avviso pubblico per la promozione di azioni positive realizzate da Associazioni e Enti
SOGGETTI AMMISSIBILI
Possono presentare una domanda di contributo a valere sul presente bando esclusivamente i soggetti iscritti al Registro UNAR. E’ possibile presentare una richiesta di contributo anche sotto forma di Aggregazione temporanea, in qual caso solo il capofila dovrà essere iscritto al registro di cui sopra.
OBIETTIVI DEL BANDO
Il bando intende sostenere progetti che contribuiscano al rafforzamento delle politiche di inclusione dirette a contrastare il fenomeno del razzismo, a promuovere l’integrazione delle categorie sociali più vulnerabili, delle comunità rom, sinte e caminanti (RSC) e a lottare contro l’omofobia e la transfobia, con attenzione al fenomeno delle discriminazioni multiple. In particolare il bando è finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi:
  • diffondere la cultura dell’antidiscriminazione, del rispetto e della valorizzazione delle differenze
  • combattere i pregiudizi, gli stereotipi e la cattiva informazione
  • contribuire, tramite il dialogo interculturale, al miglioramento delle relazioni tra cittadini italiani e stranieri
  • favorire il superamento degli stereotipi
  • favorire una cultura etica e di valori sociali positivi
  • diffondere tra i giovani il valore positivo della diversità e della cultura del rispetto del principio delle pari opportunità
  • prevenire l’intolleranza e la violenza legate all’orientamento sessuale e all’identità di genere
  • contrastare e prevenire l’isolamento e il disagio sociale derivanti dall’omofobia e dalla transfobia
  • accrescere la capacity building delle associazioni
  • favorire l’empowerment delle persone a rischio di esclusione sociale
ATTIVITA’ FINANZIABILI
I progetto dovranno prevedere la realizzazione di attività afferenti ad uno dei seguenti ambiti:
Ambito A – Contrasto e prevenzione delle discriminazioni etnico-razziali e religiose attraverso la promozione di attività educative, culturali, artistiche e sportive. Dovranno essere realizzate una delle seguenti tipologie di attività:
  • seminari e laboratori
  • laboratori di scrittura giornalistica
  • laboratori di cucina
  • rassegne cinematografiche e progetti artistici
  • eventi sportivi
  • iniziative per facilitare l’accesso allo sport
  • seminari per la formazione di operatori dello sport
Tali attività dovranno prevedere il coinvolgimento attivo dei cittadini italiani e stranieri e di una figura di mediatore culturale.
Ambito B – Contrasto e prevenzione delle discriminazioni verso le comunità rom, sinte e caminanti (RSC). Dovranno essere realizzate una delle seguenti tipologie di attività:
  • orientamento dei giovani RSC nell’orientamento e nel completamento del ciclo di studi
  • percorsi di accompagnamento dei giovani RSC nell’orientamento al lavoro
  • formazione/informazione degli educatori/operatori e stakeholders del settore sul contrasto all’antiziganismo e alle discriminazioni multiple
  • sostegno e mediazione per l’accesso a centri aggregativi territoriali, doposcuola e centri territoriali permanenti
  • supporto a percorsi di inserimento sportivo, ludico ricrearivo e culturale
  • convegni di studio per l’approfondimento e la sensibilizzazione
Ambito C – Contrasto e prevenzione delle discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere. Dovranno essere realizzate una delle seguenti tipologie di attività:
  • prevenzione e contrasto al bullismo omofobico e transfobico
  • formazione e informazione per il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere
  • realizzazione o potenziamento di servizi mirati al contrasto del disagio e dell’esclusione sociale
  • progetti di ricerca, convegni di studio per approfondimento e sensibilizzazione
ENTITA’ DEL CONTRIBUTO
Lo stanziamento complessivo è pari a 1.000.000 € così suddiviso:
Ambito A – 400.000 €: contributo minimo 5.000 € - contributo massimo 75.000 €
Ambito B – 200.000 €: contributo minimo 5.000 € - contributo massimo 40.000 €
Ambito C – 400.000 €: contributo minimo 5.000 € - contributo massimo 75.000 €
In ogni caso il contributo massimo richiedibile non potrà essere superiore all’80% dei costi complessivi di progetto
MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
La domanda dovrà essere presentata secondo la modulistica disponibile sul sito dell’UNAR e inviata tramite PEC
SCADENZA
8 novembre 2016

Nessun commento:

Posta un commento