mercoledì 29 giugno 2016

Avviso scadenza bandi Fondazione Cariplo “Patrimonio culturale per lo sviluppo” e “ Buone prassi di conservazione del patrimonio”!

Segnaliamo che Fondazione Cariplo ha deciso di chiudere i bandi afferenti all’ambito Arte e Cultura: “Patrimonio culturale per lo sviluppo” e “ Buone prassi di conservazione del patrimonio”.

Entro il 15 luglio 2016 dovranno essere inviate on-line le schede pre-progetto.

Entro il 14 ottobre 2016 dovranno pervenire presso la Fondazione i moduli progetto completi di tutti gli allegati.


Fondazione Terzo Pilastro – Sportello della Solidarietà 2016



Fondazione Terzo Pilastro – Sportello della Solidarietà 2016
SOGGETTI AMMISSIBILI
Possono presentare domanda a valere sul presente bando tutti gli enti senza scopo di lucro con sede in Italia e nei Paesi del Mediterraneo operanti nei seguenti settori di intervento:
  • Sanità;
  • Istruzione e formazione;
  • Arte e cultura;
  • Ricerca scientifica;
  • Assistenza alle categorie sociali deboli.
OBIETTIVI DEL BANDO
Lo Sportello di Solidarietà nasce con l’obiettivo di sostenere e incentivare iniziative di natura sociale fondate sui valori di solidarietà, mutualità, inclusione e promozione sociale di gruppi svantaggiati.
ATTIVITA’ FINANZIABILI
Per l’anno 2016 la Fondazione ha stabilito di dare priorità di contributo a progetti inerenti le seguenti aree di intervento:
  • Ricerca scientifica contro le malattie rare;
  • Assistenza socio-sanitaria ai malati e ai loro familiari;
  • Contrasto della problematica dell’avvio al lavoro per i giovani;
  • Organizzazione di percorsi formativi per disabili e immigrati finalizzati al loro inserimento lavorativo;
  • Riscoperta e valorizzazione delle arti e dei mestieri anche attraverso programmi di istruzione e formazione.
ENTITA’ DEL CONTRIBUTO
Il contributo massimo per ogni progetto: 50.000€.
MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
La domanda di contributo dovrà essere presentata completando l’apposito modulo disponibile sul sito di Fondazione Terzo Pilastro e inviato tramite raccomandata A/R.
SCADENZA
Il presente bando ha validità annuale. Ogni soggetto potrà presentare una sola domanda di contributo l’anno.

martedì 21 giugno 2016

Fondazione Cariplo e Regione Lombardia – #Sport occasione per crescere – Edizione 2016



SOGGETTI AMMISSIBILI
I progetti dovranno essere presentati da partenariati composti da un minimo di due soggetti e che comprendano almeno:
  • un’organizzazione non profit con finalità sportive;
  • un ente pubblico o un ente privato non profit con finalità formative e/o socio-educative.
Gli enti dovranno inoltre avere sede legale o operativa in Lombardia.
OBIETTIVI DEL BANDO
Obiettivo del presente bando è supportare progetti di promozione e valorizzazione della pratica sportiva che vengano realizzati attraverso una collaborazione tra le organizzazioni non profit del mondo sportivo e quelle del mondo educativo, formativo e sociale al fine di ricomprendere a pieno titolo lo sport nei percorsi di crescita e massimizzare le capacità dello sport di veicolare contenuti educativi.
ATTIVITA’ FINANZIABILI
I progetti dovranno essere realizzati in Lombardia e prevedere attività che coinvolgano i seguenti beneficiari:
  • bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e i 19 anni (qualora il progetto preveda il coinvolgimento di studenti del secondo ciclo e di percorsi di formazione professionale di Regione Lombardia, potranno beneficiare degli interventi anche giovani di età superiore);
  • bambini e ragazzi disabili di età compresa tra i 6 e i 25 anni.
I progetti dovranno inoltre essere orientati alla realizzazione di attività finalizzate al perseguimento di almeno uno dei seguenti obiettivi:
  • avvicinare bambini e adolescenti alla pratica sportiva e contrastare il fenomeno del drop out sportivo nell’ambito di un percorso formativo-educativo finalizzato alla loro crescita personale e all’adozione di stili di vita attivi attraverso la diffusione della cultura del movimento e dello sport;
  • promuovere lo sport come strumento di inclusione e integrazione sociale, di superamento del disagio e di promozione del benessere psico-fisico personale.
Saranno considerati elementi premianti:
  • la creazione di un ampio partenariato;
  • il coinvolgimento attivo delle famiglie.
ENTITA’ DEL CONTRIBUTO
Lo stanziamento complessivo è pari a 1.600.000€.
Potrà essere richiesto un contributo fino ad un massimo del 60% del costo totale del progetto e comunque non inferiore a 15.000€ e non superiore a 60.000€.
MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
I progetti dovranno essere inviati tramite piattaforma online disponibile sul sito di Fondazione Cariplo.
SCADENZA
8 settembre 2016

Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Pari Opportunità – Bando per progetti di assistenza a favore delle vittime di tratta



SOGGETTI AMMISSIBILI
Possono presentare domanda a valere sul presente bando i seguenti soggetti:
  • Regioni e Province autonome;
  • Comuni, Città metropolitane, Comunità Montane, unioni di Comunità Montane, unioni di Comuni e loro consorzi;
  • Soggetti privati convenzionati iscritti all’apposita sezione dei registri degli enti che svolgono attività a favore degli immigrati.
Si precisa che i soggetti privati potranno partecipare al presente bando solo in forma di partenariato con Regioni ed Enti locali di riferimento.
OBIETTIVI DEL BANDO
Il presente bando è volto a sostenere progetti attuati a livello territoriale finalizzati ad assicurare, in via transitoria, adeguate condizioni di alloggio, vitto e assistenza sanitaria e, successivamente, la prosecuzione dell’assistenza e dell’integrazione sociale ai seguenti soggetti:
  • Persone straniere e cittadini di cui all’art. 18, comma 6-bis del D.Lgs. 286/1998;
  • Vittime di reati previsti dagli artt. 600 e 601 del codice penale o che versano nelle ipotesi di cui al comma 1 dello stesso art. 18;
  • Richiedenti di protezione internazionale;
  • Titolari di protezione internazionale/umanitaria;
  • Vittime o potenziali vittime di tratta al momento dello sbarco o presso aree di frontiera terrestre.
ATTIVITA’ FINANZIABILI
Le proposte progettuali dovranno prevedere la realizzazione delle seguenti attività:
  • Attività di primo contatto con le popolazioni a rischio sfruttamento volte alla tutela della salute e all’emersione di potenziali vittime di tratta;
  • Azioni proattive multi-agenzia di identificazione dello stato di vittima in relazione alla valutazione del caso ai fini di una preliminare identificazione della persona assistita quale vittima di tratta e dell’accertamento della sussistenza dei requisiti per l’ingresso nei percorsi di protezione dedicati;
  • Azioni di protezione immediata e prima assistenza;
  • Accoglienza residenziale o semi-residenziale se la condizione della vittima lo permette;
  • Protezione sociale, assistenza socio-sanitaria, psicologica, legale e consulenze varie;
  • Attività mirate all’ottenimento del permesso di soggiorno di cui all’art. 18 sopra citato;
  • Formazione;
  • Attività mirate all’inserimento lavorativo;
  • Assistenza personalizzata di secondo livello finalizzata all’integrazione sociale per persone vittime di tratta, violenza e grave sfruttamento che abbiano già eventualmente beneficiato di misure di prima assistenza;
  • Azioni di motivazione, empowerment, orientamento, formazione e inserimento lavorativo;
  • Attività mirate al raccordo operativo tra il sistema di protezione e contrasto delle vittime di tratta e grave sfruttamento e il sistema a tutela dei richiedenti/titolari di protezione internazionale/umanitaria.
ENTITA’ DEL CONTRIBUTO
Lo stanziamento complessivo è pari a 13.000.000€.
Il contributo che potrà essere concesso a ciascun progetto non potrà essere inferiore a 50.000€ e superiore a 1.300.000€.
MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
Le domande di contributo dovranno essere presentate tramite apposita modulistica disponibile sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Pari Opportunità ed inviate esclusivamente tramite PEC.
SCADENZA
11 luglio 2016

Ministero dell’Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione – Fondo Asilo Migrazione ed Integrazione 2014-2020 Potenziamento della capacità ricettiva del sistema di seconda accoglienza dei Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA)



SOGGETTI AMMISSIBILI
Possono presentare domanda a valere sul presente bando gli enti locali, come definiti dal D.Lgs. 267/2000 e s.m.i., in forma singola o associata.
OBIETTIVI DEL BANDO
Il presente bando è finalizzato a potenziare il sistema di seconda accoglienza di minori stranieri non accompagnati (MSNA) presenti sul territorio nazionale, garantendo:
  • il rispetto dei diritti del MSNA;
  • la presa in carico del MSNA;
  • l’avvio graduale del MSNA verso l’autonomia e l’inclusione sociale nel territorio, con specifica attenzione a MSNA portatori di particolari fragilità.
ATTIVITA’ FINANZIABILI
Le proposte progettuali degli Enti Locali proponenti dovranno prevedere interventi di accoglienza che garantiscano i seguenti servizi:
  • collocamento in luogo sicuro di MSNA presso strutture autorizzate o famiglie selezionate;
  • supporto di mediatori linguistico-culturali;
  • iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale;
  • assistenza socio-psicologica e sanitaria;
  • orientamento e tutela legale;
  • verifica della presenza di partenti, connazionali o persone disponibili idonee ad un eventuale affidamento del minore;
  • apertura della tutela;
  • regolarizzazione dello status giuridico;
  • insegnamento di base della lingua italiana;
  • inserimento scolastico e professionale e attività a sostegno dell’inclusione sociale;
  • definizione di un progetto socio-educativo individualizzato per ciascun MSNA.
Le proposte progettuali dovranno prevedere il confronto e la collaborazione con gli enti del territorio competenti per il settore di riferimento del bando.
ENTITA’ DEL CONTRIBUTO
Lo stanziamento complessivo relativo al presente bando è pari a 110.953.800€.
I massimali di progetto variano in base alle dimensioni del progetto e sono calcolati in base a elementi quali ad es. il numero di abitanti del territorio di riferimento e il numero di MSNA accolti.
Il soggetto proponente dovrà concorrere al co-finanziamento della proposta progettuale con risorse proprie pari ad almeno il 5% dei costi complessivi del progetto.
MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
La richiesta di contributo dovrà essere presentata online tramite apposita procedura disponibile sul sito dedicato al Fondo Asilo Migrazione ed Integrazione previa registrazione.
SCADENZA
6 settembre 2016

lunedì 6 giugno 2016

Ministero dell’Interno – Avviso Pubblico U.N.R.R.A. 2016



SOGGETTI AMMISSIBILI
Possono presentare domanda a valere sul presente bando i seguenti soggetti:
  • Enti pubblici
  • Enti privati regolarmente costituiti che svolgano da almeno 5 anni attività rientranti nell’area di intervento de presente bando.
I progetti possono essere presentati anche in forma di partenariato.
OBIETTIVI DEL BANDO
Il presente bando è finalizzato a sostenere progetti in ambito socio-assistenziale aventi come destinatari soggetti che si trovano in condizione di marginalità sociale ed in stato di bisogno.
ATTIVITA’ FINANZIABILI
I progetti finanziabili dal presente bando dovranno rientrare in uno dei seguenti ambiti:
  • Azione 1: servizi di accoglienza abitativa, di assistenza ai senza fissa dimora, di distribuzione di alimenti;
  • Azione 2: interventi di sostegno, di riabilitazione, di recupero psichico di soggetti che versano in situazione di disagio mentale.
ENTITA’ DEL CONTRIBUTO
Lo stanziamento complessivo è pari a 2.000.000€ così suddivisi:
  • Azione 1: 1.000.000€
  • Azione 2: 1.000.000€
Il contributo massimo che potrà essere concesso a ciascun progetto è pari a 200.000€.
MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
Le domande di contributo dovranno essere presentate online tramite apposita procedura disponibile sul sito dedicato al Fondo U.N.R.R.A.
SCADENZA
21 giugno 2016

INVITALIA in collaborazione con il Ministero del Lavoro e della Politiche Sociali – Fondo Rotativo Nazionale SELFIEmployment

SELFIEmployment è il Fondo Rotativo Nazionale con stanziamento complessivo pari a 128.000.000€ che finanzia l’avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da giovani NEET, attraverso un finanziamento a tasso 0% che può coprire fino al 100% dei costi totali. Il finanziamento non richiede garanzie e dovrà essere restituito in 7 anni.
Il costo totale degli investimenti non potrà essere inferiore ai 5.000€ e superiore ai 50.000€.
Possono richiedere l’agevolazione finanziaria a valere sul Fondo SELFIEmployment giovani NEET fino ai 29 anni di età iscritti a Garanzia Giovani e che abbiano terminato il percorso di accompagnamento ivi previsto.
Le domande dovranno essere inoltrate da persone fisiche che si impegnino a costituirsi in forma societaria entro 60 giorni dal provvedimento di ammissione e/o da imprese individuali, società di persone, società cooperative costituite da non più di 12 mesi.
La valutazione dei progetti avverrà in ordine cronologico fino ad esaurimento delle risorse.

Le domande dovranno essere inoltrate in forma telematica tramite la procedura disponibile sul sito di Invitalia.

mercoledì 1 giugno 2016

Ferrovie dello Stato Italiane e Rete Ferroviaria Italiana con Csvnet, Legambiente, Associazione Italiana Turismo Responsabile, Lega Coop Sociali.

Ricordiamo a tutti gli enti non profit che sono attivi ormai da tempo protocolli di intesa tra Ferrovie dello Stato Italiane (FS), Rete Ferroviaria Italiana (RFI) e Csvnet (Coordinamento nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato), Legambiente, Associazione Italiana Turismo Responsabile, Lega Coop Sociali volti all’utilizzo, da parte degli enti non profit, delle stazioni cosiddette “impresenziate” messe a disposizione da FS e RFI.
I protocolli sono finalizzati a sviluppare azioni innovative e di sostegno sociale su tutto il territorio nazionale offrendo l’opportunità di usufruire di questi spazi in comodato d’uso gratuito, al fine di trasformarli, attraverso interventi di riqualificazione e/o manutenzione di diverso tipo, in spazi fruibili di incontro e promozione del volontariato.

Possono fare richiesta di comodati d’uso gratuito di spazi di proprietà RFI non più funzionali all’esercizio ferroviario:
  • Associazioni che operano nel settore sociale;
  • Enti non profit;
  • Enti locali (Province, Comuni, etc).
È possibile presentare un progetto anche in forma di partenariato.
Per l’elenco delle stazioni suddivise per regione si rimanda al sito RFI, ricordando che le stazioni impresenziate delle quali è possibile fare richiesta di comodato rientrano nella categoria “stazioni bronze”.

La richiesta di comodato dovrà essere presentata, insieme alla descrizione dettagliata del progetto, a uno dei seguenti enti:

  • Comune in cui è ubicato lo spazio RFI di interesse;
  • Associazioni Nazionali con cui ad oggi il Gruppo FS Italiane ha attivato protocolli d’intesa: Legambiente, Associazione Italiana Turismo Responsabile, CSVnet, Lega Coop Sociali;
  • Direzioni Territoriali RFI competenti per la stazione di interesse.

Fondazione Cariplo – Interventi Emblematici Provinciali 2016

Anche quest’anno Fondazione Cariplo promuove la realizzazione di interventi emblematici minori provinciali, erogando contributi a fondo perduto per progetti selezionati grazie alla collaborazione delle Fondazioni Comunitarie.


I bandi provinciali sono finalizzati al finanziamento di progetti che, coerentemente con le linee programmatiche di Fondazione Cariplo, rispondano ai requisiti di esemplarità, sussidiarietà e significatività sia per l’oggetto stesso dell’intervento che per il territorio di riferimento, che producano un effetto moltiplicatore e un impatto positivo sulla collettività, coinvolgendo anche soggetti pubblici e/o privati del terzo settore.

La pubblicazione dei bandi e la raccolta delle istanze progettuali è a cura delle Fondazioni Comunitarie dei territori di riferimento. Scadenze, modalità di presentazione dei progetti e ambiti di intervento possono variare per ogni provincia.

Attualmente, dieci Fondazioni hanno pubblicato il bando in oggetto: Fondazione della Comunità Bresciana ONLUS, Fondazione Comunitaria della Provincia di Pavia ONLUS, Fondazione della Provincia di Lecco ONLUS, Fondazione Comunitaria della Provincia di Lodi ONLUS e Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona ONLUS, Fondazione della Comunità Bergamasca ONLUS, Fondazione della Comunità della Provincia di Mantova ONLUS, Fondazione "Pro Valtellina", Fondazione Provinciale della Comunità Comasca ONLUS; Fondazione Comunitaria del Verbano Cusio Ossola ONLUS. Vi invitiamo a tenere monitorati i siti delle Fondazioni di vostra competenza per rimanere aggiornati sulla pubblicazione e le scadenze dei bandi.

Di seguito l’elenco delle Fondazioni comunitarie coinvolte nell’iniziativa con i link ai relativi siti internet:
TICINO OLONA (Abbiatense, Magentino, Castanese, Legnanese) – Fondazione Comunitariadel Ticino Olona
NORD MILANO (Bollatese, Rhodense, Sestese) – Fondazione Comunitaria Nord Milano